Category Archives: Intolleranze Alimentari

SAN PIETRO COI PORRI (per 4)


Vorrei dedicare questo piatto – naturalmente di Gianfranco – a Eugenia di La Belle Auberge che ama il san pietro e i porri, in riconoscimento di tutte le sue prelibatezze che ho copiato spudoratamente in questi anni…

IMG_1797

1 san pietro da 800 gr.
500 gr. di porri
1 limone
prezzemolo
aglio
pinoli qb
uva sultanina qb
olive taggiasche qb
2 acciughe

Mettere il san pietro in una padella fonda e larga, aggiungendo a freddo acqua a coprire (servirà per la salsa), il limone spremuto, prezzemolo e aglio tritati.

Coprire e mettere sul fuoco per 15-20 minuti. Togliere il san pietro, ricavarne 4 filetti, togliendoci la pelle, e tenere da parte.

Rimettere nella padella la pelle tolta dai filetti, la testa e la lisca. Continuare la cottura per far restringere il fumetto. Passare il tutto nel colino ed emulsionare con dell’olio extravergine d’oliva. Se la salsa dovesse risultare troppo liquida, continuare la cottura per altri 5 minuti e farla restringere.

Pulire i porri, tenendo una parte del verde, e sbollentarli in acqua salata.

Mettere dell’aglio tritato in una padella con olio extravergine d’oliva e far soffriggere lentamente. Nel frattempo sminuzzare le olive taggiasche e metterle nella padella. Aggiungere due filetti d’acciuga tritati, i pinoli e l’uva sultanina lavata. Mescolare, poi aggiungere i porri. Non salare molto, in quanto le acciughe e i porri sono molto sapidi.

Con l’aiuto di un coppa pasta sistemare i porri al centro di un piatto fondo. Mettere il filetto di san pietro sopra e irrorare con la vellutata ottenuta precedentemente.

Completare con una spolverata di pepe.

Bocconcini di quinoa supergolosi


Ricetta senza glutine e lattosio.

Photo: Nicola Impallomeni

1/3 cup quinoa, risciacquata
2/3 cup acqua
16 datteri Medjool interi, denocciolati
1/2 cup mandorle con la buccia
1/3 cup burro di arachidi del tipo crunchy
1/3 cup gocce di cioccolato fondente

Cuocere la quinoa con l’acqua come da ricetta base, per circa 12-15 minutes, finché tutta l’acqua è stata assorbita. Tenere la quinoa al caldo.

Mettere i datteri nel cutter e frullare finché formano una palla. Trasferirli in una ciotola. Mettere le mandorle nel cutter e tritarle, avendo cura di non ridurle in pasta. Aggiungere i datteri, il burro di arachidi e la quinoa tiepida e frullare per amalgamare.

Aggiungere le gocce di cioccolato all’impasto e azionare il cutter finché le gocce si sciolgono. Formare le palline e rotolarle nella granella di mandorle. Mettere in frigo e servire nei pirottini.

Insalata di quinoa


Photo: Nicola Impallomeni

Quinoa preparata come da ricetta base
½ cucchiaio di senape in polvere (in mancanza usare un senape forte in pasta)
2 pomodori medi
1 cetriolo
½ bicchiere di olive nere greche
1 piccola cipolla di Tropea
½ bicchiere di formaggio feta o halloumi, tagliato a cubetti (omettere per un’insalata senza lattosio)
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
½ cucchiaino di aceto balsamico
½ cucchiaino di sale marino
½ cucchiaino di pepe macinato al momento

Togliere i semi ai pomodori e tagliarli a cubetti. Sbucciare il cetriolo e tagliarlo a cubetti. Denocciolare le olive e tagliarle in quarti. Sbucciare la cipolla e tagliarla in pezzi piccoli, ma non troppo. In un’insalatiera aggiungere questi ingredienti al formaggio e alla quinoa cotta.

Fare un’emulsione con l’olio, l’aceto balsamico, sale, pepe e senape e versare sulla quinoa. Mescolare bene.

QUINOA – PREPARAZIONE BASE


Resa: 2 bicchieri di quinoa cotta

½ bicchiere di quinoa
1 bicchiere di acqua

Risciacquare molto bene i semi di quinoa per togliere la sostanza amara, la saponina, di cui sono ricoperti. Scolarli.

Su fuoco alto portare a bollore la quinoa e 1 bicchiere d’acqua. Abbassare la fiamma, coprire la pentola e cuocere a fuoco basso per circa 15 minuti. Quando quasi tutta l’acqua è stata assorbita, spegnere il fuoco e lasciare la quinoa coperta per 5 minuti prima di utilizzarla. I semi risulteranno gonfi e avranno formato un piccolo germoglio bianco.

Torta Caprese tradizionale senza glutine di Lydia Capasso


Questa è la ricetta tradizionale, senza glutine e senza lievito. Davvero notevole. Per la ricetta Bimby  cliccare qui.

  • 200 gr. di zucchero
  • 200 gr. di cioccolata fondente (da prontuario per essere certi di avere un prodotto gluten-free)
  • 200 gr. di mandorle con la pelle (io aggiungo tre o quattro mandorle amare)
  • 200 gr. di burro (senza lattosio, se ne siete intolleranti)
  • 5 uova
  • qualche goccia di estratto di mandorle amare (in assenza delle mandorle amare)
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia

Imburrare e infarinare (con burro lactose-free e farina o cacao gluten-free, se necessario) una tortiera da 24 cm.

Tritare molto bene le mandorle con lo zucchero, ma non le riducete in farina.

Sciogliere il cioccolato con il burro e sbattere le uova. Mescolare tutti gli ingredienti e versare l’impasto nella tortiera preparata in precedenza.

Volendo si possono separare i tuorli dagli albumi, per cui prima si aggiungono i tuorli e poi gli albumi montati a neve.

Infornare in forno già caldo per 10 minuti a 200°C e per 40 minuti a 170°C.

Quando la torta è completamente fredda, setacciare dello zucchero a velo (da prontuario) sopra.

Ciambellone di mele gluten-free di Rossanina


Una torta divina che si gusta a colazione, all’ora del tè, dopo cena, insomma in qualsiasi momento del giorno. E non occorre essere intolleranti al glutine per procurarsi gli ingredienti e farla – non ve ne pentirete. Questa torta è stata portata da Rossanina a casa mia per il fine settimana dedicato alla quinoa e agli alimenti senza glutine, lattosio e lievito.

Foto: Nicola Impallomeni

Per la base:

  • 230 gr. di farina glutin0 per dolci
  • 20 gr. di amido di tapioca
  • 180 gr. di zucchero bianco
  • 4 uova
  • 100 gr. di limoncello
  • 60 gr. di acqua
  • 130 ml olio di riso
  • una stecca di vaniglia

Per la farcitura:

  • tre mele
  • 150 gr. di pinoli

Mettere tutti gli ingredienti per la base nella planetaria e far lavorare per 10 minuti. Nel frattempo sbucciare le mele e tagliarle a cubetti piccoli (tipo nocciolo di ciliegia). Aggiungere mele e pinoli all’impasto e versarlo nello stampo a ciambella da 28 cm, spruzzato con l’olio staccante. Cuocere in forno non ventilato a 180°C per 45 minuti. Comunque fare la prova stecchino.

Togliere subito dallo stampo e lasciare freddare su una griglia.